Conformità dei prodotti

Qui sono contenute informazioni aggiornate in merito a norme e linee guida relative ai requisiti di sicurezza dei prodotti ed ai requisiti tecnici per l’accesso sul mercato.

ATEX

Le direttive ATEX dell’Unione europea includono la Direttiva Prodotti 2014/34/UE e la Direttiva Utilizzatori 1999/92/CE. Contengono le regole per la circolazione dei prodotti utilizzati in atmosfere potenzialmente esplosive. L’acronimo ATEX è un’abbreviazione dei termini francesi ATmosphère EXplosible (atmosfera esplosiva).

Maggiori informazioni sulle direttive ATEX

La direttiva ATEX è stata pubblicata in origine come Direttiva 94/9/CE nel 1994. Nell’ambito del nuovo inquadramento legislativo, la Direttiva ATEX 94/9/CE è stata sostituita dalla 2014/34/UE. La direttiva armonizza i vari requisiti all’interno della UE, con lo scopo di garantire un livello di sicurezza uniforme e di rimuovere le barriere commerciali.

Le linee guida riguardano la protezione personale e stabiliscono i requisiti di base in materia di salute e sicurezza nonché le normative minime. Tra queste vi è la norma che prevede l’esclusione delle potenziali fonti di innesco che potrebbero causare un’esplosione.

La direttiva ATEX riguarda solo indirettamente le ruote e le ruote con supporto. Non si tratta infatti di per sé di dispositivi o sistemi di protezione, ma di componenti utilizzati in varie applicazioni tecniche, non realizzati specificamente per dispositivi e sistemi di protezione. La conformità viene determinata nel corso della valutazione di conformità per l’intero prodotto. Pertanto, chi costruisce il dispositivo è tenuto a garantire che il prodotto nel suo complesso sia conforme alla direttiva ATEX.

Blickle Räder+Rollen GmbH u. Co. KG, in quanto produttore di ruote e ruote con supporto, può contribuire alla conformità alla direttiva unicamente raccomandando l’utilizzo di ruote e ruote con supporto elettro-conduttive o antistatiche. Fanno eccezione le ruote in acciaio o ghisa, che potrebbero provocare scintille causate da urti o dal sottofondo del pavimento.

Dodd-Frank Act

Il Dodd-Frank Act obbliga le aziende quotate alla borsa statunitense a dichiarare l’utilizzo di “minerali provenienti da zone di conflitto” nei propri prodotti. Questa normativa può riguardare anche società tedesche che forniscono aziende statunitensi quotate in borsa.

Maggiori informazioni sul Dodd-Frank Act

Il Dodd-Frank Act è legalmente vincolante negli Stati Uniti da luglio 2010. Questa legge si applica unicamente ad aziende sotto la vigilanza della US Securities and Exchange Commission (SEC).

La sezione 1502 del Dodd-Frank Act si prefigge di garantire che taluni minerali, quali tantalio, tungsteno, stagno o oro, i cosiddetti “minerali provenienti da zone di conflitto”, non siano originari della Repubblica Democratica del Congo né degli stati limitrofi a causa della guerra civile che affligge queste zone.

I vincoli posti da questa legge si estendono all’intera catena di fornitura ma senza effetti immediati al di fuori degli Stati Uniti.

In Europa non esistono direttive simili o limitazioni all’uso di queste sostanze, pertanto anche i prodotti o le materie prime possono continuare ad essere importati legalmente ed immessi sul mercato interno .

In ogni caso, poiché siamo un’azienda responsabile, adottiamo le misure necessarie per verificare se i prodotti che vi forniamo contengono materie prime provenienti dalla Repubblica Democratica del Congo e dagli stati limitrofi. Adempiamo a questo obbligo per ogni prodotto fornito.

Sulla base di una collaborazione continuativa con i nostri fornitori, ad oggi non abbiamo alcun motivo fondato per ritenere che le materie prime utilizzate nei nostri prodotti possano provenire dall’area di crisi indicata. Pertanto ci dichiariamo un’azienda “conflict free” in base al “Dodd-Frank Act”.

PAH

Molti idrocarburi policiclici aromatici (PAH) sono significativi come inquinanti ambientali per la loro persistenza e tossicità. Per questo motivo, l’impiego di idrocarburi policiclici aromatici (PAH) è limitato nell’Allegato XVII del Regolamento REACh n. 1272/2013.

Maggiori informazioni sui PAH

Il 6 dicembre 2013 la normativa esistente sugli idrocarburi policiclici aromatici (PAH), contenuta nell’Allegato XVII del Regolamento REACh 1907/2006, è stata ampliata. A partire dal 27 dicembre 2015, il contenuto di PAH negli articoli in gomma e plastica soggetti al contatto prolungato con la pelle o la bocca, sarà limitato a 1 mg/kg di PAH.

Sono state inoltre poste ulteriori restrizioni ai limiti di PAH di cui alla specifica GS della Commissione per la sicurezza dei prodotti “AfPS GS 2014: 01 PAK”.

Poiché i nostri prodotti (ruote e ruote con supporto) non rientrano nella categoria dei componenti per cui si prevede un contatto cutaneo prolungato o ricorrente durante l’utilizzo, i nostri prodotti (ruote e ruote con supporto) non sono soggetti alle normative di cui sopra.

Offriamo tuttavia su richiesta ruote e ruote con supporto in gomma che rientrano nei limiti specificati. Sono disponibili le relative conferme del nostro fornitore di gomma nonché i risultati dei test svolti da un istituto indipendente su nostro incarico.

POP

Gli inquinanti organici persistenti (POP) rappresentano un problema globale da regolamentare a livello internazionale. In passato sono stati stipulati vari accordi internazionali in ambito ambientale per affrontare i rischi per gli uomini e l’ambiente rappresentati dai POP.

Maggiori informazioni sui POP

Gli inquinanti organici persistenti (POP) sono sostanze chimiche organiche con proprietà specifiche:
• Persistenza per un periodo prolungato
• Possibilità di trasporto per lunghe distanze
• Accumulo nella catena alimentare
• Tossicità per uomini e animali

Il 29 aprile 2004 il Regolamento CE n. 850/2004 ha stabilito requisiti dettagliati in merito alla produzione, alla circolazione, all’uso ed al rilascio di POP per gli stati membri dell’Unione Europea. Lo scopo di tale regolamento, in linea con il principio di prevenzione, è proteggere la salute umana e l’ambiente dai POP.

Confermiamo di rispettare i requisiti del regolamento e che i nostri prodotti sono esenti da inquinanti organici persistenti (POP) ai sensi del Regolamento CE n. 850/2004 Allegato I).

REACh

REACh è l’acronimo di Registration, Evaluation, Authorization and Restriction of Chemicals. È un regolamento UE sulle sostanze chimiche entrato in vigore il 1° giugno 2007.

Maggiori informazioni sul REACh

Il Regolamento REACh (CE) n. 1907/2006 ha introdotto una ristrutturazione completa delle politiche per le sostanze chimiche. In pratica il REACh ha armonizzato la legge sulle sostanze chimiche. Lo scopo è proteggere le persone e l’ambiente e raccogliere tutte le informazioni sulle sostanze chimiche in Europa a livello centrale.

Per la prima volta una legge sugli agenti chimici include anche le sostanze presenti nei manufatti. In qualità di produttore, Blickle Räder + Rollen GmbH & Co. KG è pertanto tenuto ad informare gli utilizzatori sulla presenza di sostanze estremamente preoccupanti (SVHC) nei propri prodotti.

In seguito all’entrata in vigore del Regolamento REACh nel giugno 2007, abbiamo iniziato a testare con regolarità la nostra gamma di prodotti riguardo la presenza di SVHC. Qualora una sostanza presente nell’elenco SVHC fosse inclusa in uno dei nostri prodotti in una percentuale superiore allo 0,1% in massa, adempiremo immediatamente al nostro obbligo di divulgazione ai sensi dell’articolo 33 del Regolamento REACh.

I seguenti articoli contengono una sostanza presente nell’elenco SVHC in una percentuale > 0,1% in massa:
• Ottametilciclotetrasilossano (D4) (CAS n. 556-67-2)
• Decametilciclopentasilossano (D5) (CAS n. 541-02-6)
• Dodecametilcicloesasilossano (D6) (CAS n. 540-97-6)

Link all’elenco SVCH aggiornato: https://echa.europa.eu/de/candidate-list-table

RoHS

Le sostanze tossiche e pericolose per l’ambiente presenti nei prodotti elettronici si accumulano nel ciclo vitale naturale. Le direttive RoHS stabiliscono di bandire queste sostanze dai prodotti. La direttiva sulla limitazione delle sostanze pericolose (RoHS) è una direttiva UE (2011/65/UE) datata 8 giugno 2011.

Maggiori informazioni sulla RoHS

Il titolo della Direttiva ROHs è “Direttiva 2011/65/UE del Parlamento europeo e del Consiglio dell’8 giugno 2011 sulla restrizione dell’uso di determinate sostanze pericolose nelle apparecchiature elettriche ed elettroniche”.

Questa direttiva UE è stata attuata nel diritto nazionale con la pubblicazione dell’“Ordinanza sulla restrizione di sostanze pericolose contenute in apparecchiature elettriche ed elettroniche” (ElektroStoffV) datata 9 maggio 2013.

Il 4 giugno 2015 la Direttiva Delegata 2015/863/UE ha aggiunto quattro nuove sostanze all’elenco di quelle pericolose.

I prodotti Blickle Räder + Rollen GmbH & Co. KG non sono dispositivi elettrici od elettronici, per questo motivo la normativa non si applica ai nostri prodotti.

Tuttavia, poiché le ruote e le ruote con supporto di nostra produzione vengono montate anche su apparecchiature elettriche od elettroniche, nei nostri prodotti non usiamo materiali che superano i limiti delle sostanze elencate nell’Allegato II. Pertanto possiamo confermare la conformità alla Direttiva ROHs.